lunedì 2 dicembre 2013

Biografia di Anna Kuliscioff



Anna Kuliscioff
Vita privata e passione politica
di
Marina Addis Saba


La biografia di Anna Rosenstein sposata Makarevič nota come Anna Kuliscioff esce nel 1993, scritta da una studiosa del fascismo Marina Addis Saba.
La Kuliscioff nasce nel 1854 (lei sosteneva di essere nata nel 1857 ma alcuni biografi sostengono che fosse prima del '54) da una famiglia borghese ebrea, a Sinferopoli in Crimea.
I suoi rapporti con i terroristi russi la costringono all'esilio e si rifugia in Svizzera per sfuggire alla polizia segreta zarista.
A Zurigo nel 1871 si iscrive al Politecnico e sarà la prima donna a farlo. Studia medicina, conosce Andrea Costa e lo segue in Italia. Nel 1878 viene processata a Firenze in quanto sovversiva russa.
Dopo il rapporto con Costa (padre dell'anarco-socialismo italiano), tormentato e travagliato a causa dei rispettivi periodi trascorsi in prigionia e della diversa concezione dei rapporti uomo-donna, la Kuliscioff diventa la "libera compagna" del socialista Filippo Turati.

"Dottora" dei poveri a Milano, dove vivrà per quarant'anni, la Kuliscioff sarà la "signora del socialismo italiano", attraverso l'attività politica, saggistica e giornalistica. Contribuirà ad aprire il movimento operaio italiano a una dimensione internazionale e insieme a Turati combatterà per il voto alle donne, per la tutela del lavoro femminile e minorile, per la difesa e l'organizzazione dei lavoratori in generale e per varie altre battaglie progressiste.

Nei suoi ultimi anni condanna la violenza bolscevica e si impegna contro il fascismo. Il 29 dicembre del 1925 muore. Al suo funerale le squadre fasciste assaltano le carrozze, distruggono le corone di fiori, si scagliano contro i suoi amici che prendono a spalla la sua bara "facendola ondeggiare paurosamente".
Conclude la Addis Saba: "Difficile davvero era stato vivere per Anna Kuliscioff e difficile morire".



------------------------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.