giovedì 29 ottobre 2015

30 ottobre 2015: Un libro lungo un giorno

Quanto è lungo un libro, secondo voi?

274 pagine? 12 notti necessarie a leggerlo? Un pianto, tanti sorrisi e un’arrabbiatura per il finale che non vi piace?

Misurare un piacere, un’emozione, non è facile, ma per la Regione FVG ci vuole almeno “Un libro lungo un giorno” per essere felici! O, detto in altre parole, bisogna dedicare perlomeno un giorno all’anno al fomento della lettura.

Per questo il 30 Ottobre anche Trieste si riempirà di iniziative che coinvolgono centinaia di libri e di lettori, come auspicato dal progetto "Libriamoci" dei Ministeri dei Beni Culturali e dell'Istruzione. E il nostro Centro di Documentazione non poteva non raccogliere l’invito.

Dalle ore 15:00, e per tutto il pomeriggio, la Casa Internazionale delle Donne si riempirà di parole, storie e rime, lette e condivise non solo dalle amiche della casa editrice Vita Activa, che presentano alcune loro pubblicazioni, ma anche dalle altre donne che, come noi, amano il profumo della carta stampata e il tocco delle dita sulle pagine bianche, che sfogliano delicatamente come si fa con gli album di fotografie.

Le fresche mura della nostra biblioteca hanno bisogno del calore delle vostre voci per affrontare l’inverno. Vi aspettiamo, domani e sempre, in Via Pisoni, 3. 

A

lunedì 26 ottobre 2015

Un esodo. Storia minima di una "grande" famiglia istriana


Un viaggio, centinaia di emozioni, migliaia di storie, tutte con la stessa importanza, lo stesso valore.

Il valore di una famiglia che si fa coraggio e sceglie di partire, alla ricerca di un futuro migliore; il valore di un clan che si vede restituire il giusto merito per aver saputo ricominciare, tramandando l’eco degli sforzi fatti e dei soprusi subiti.

A raccontare questa storia è una donna, Carmen Ceppa, che ha vissuto anche lei sulla sua pelle il dramma di essere catapultata in una realtà completamente diversa da quella d’origine per motivi del tutto estranei alla sua volontà.

Il fulcro di questo romanzo non è semplicemente l’esodo degli istriani, individuato piuttosto come chiave di volta delle vicende familiari, ma la piccola storia di una grande famiglia qualunque, a partire dalle occupazioni quotidiane organizzate dalla matriarca e da una panoramica sulle ricette e i proverbi contadini.

Si tratta di “un esodo”, e non de “l’esodo”, perché quello degli istriani è solo una delle tante migrazioni della storia che vedono popoli interi abbandonare con ogni mezzo, e spesso a rischio della vita, le proprie terre a causa di guerre, persecuzioni e carestie. E le donne migranti, seppur presenza a volte poco visibile in rapporto agli uomini, sono quelle che più ostacoli devono patire prima di poter rinascere a nuova vita.


Mercoledì 28 ottobre 2015 alle 17:30 il libro verrà presentato presso la Casa Internazionale delle Donne di Trieste dalla bibliotecaria del Centro di Documentazione, Simonetta Pasqualis, alla presenza dell'autrice, Carmen Ceppa, e della storica Silva Bon.

A