lunedì 2 ottobre 2017

La patria di Patrizia Cavalli

Patrizia Cavalli















Da PATRIA
di Patrizia Cavalli
(nottetempo, 2011)


[...]
A questo punto si vada alla radice,
si tagli via la sua avventizia desinenza
ed esca allo scoperto, bello compatto, il padre.
Niente più foglie qui mosse dal vento,
niente più rami e rametti spensierati,
ma un tronco spoglio, un grande tronco saldo
tutto riattorto in nodi di potenza:
padre di ferro che mena a dritta e a manca,
padre di ferro che stritola e guadagna.
Io vado, tu no, egli va.
Chi resta l'applaude? Mi sa.

[...]
Io non mi fido di chi non ha l'olfatto
di chi se ne sta buono con l'albero magique.
Di chi può ingurgitare orribili sapori,
e non in quanto orribili, ma perchè insapori.
Non mi fido di chi subisce senza
farci caso l'atrocità di inutili
rumori, o di chi al tocco scambia
la canapa col raso. Non mi fido
di chi non vede quanto è brutta Roma
a altezza d'uomo, né di chiunque monco
dei suoi residui sensi, si affida fiacco
a preordinati assensi
Per quanto io li senta vacillanti,
spersi e sfiniti da un sempre più perfetto
dispositivo il cui unico scopo
è renderli inattivi, io li ringrazio
se ancora mi forniscono
ripulse e inclinazioni: in queste io confido
se voglio riconoscere ciò che mi è dolce patria
fra tutto quello che da lei mi espatria,
che della sua esistenza, per quanto
intermittente, non ho altra garanzia.

[...]
Sì, è più facile trovarla in chi lavora,
soprattutto se lo fa con le sue mani.
Ma deliziosamente sta persino
in certi sfaccendati, i sempre
più sparuti assistenti del niente,
negati pei negozi, distratti come sono
in ozi sontuosi, dalle opinioni scarse,
molto timide, cedevolmente pronte
a trasformarsi in sì. Creature umbre spesso.
Quante ne ho incontrate nei paesi
sedute fuori casa o ciondoloni
tra il bar e il giornalaio,
che se gli chiedi l'ora
ti rispondono: le sei, però
quello che dico sbajo.

[...]



Link: repubblica.it/cultura

(Angela Siciliano)


-------------------------------------------------------------


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.